Cos'è la Reputazione digitale e come difenderla

immagine dell'autore - Federico Giannicchi
Federico Giannicchi
Questa foto descrive: Cos'è la Reputazione digitale e come difenderla

La reputazione online è un asset al quale tutti noi, sai persone fisiche che brand, dobbiamo prestare attenzione. Il web agisce come un’enorme memoria virtuale che tiene traccia di tutte le informazioni che ci riguardano. Può trattarsi di foto, video, post sui social network, interviste, articoli del blog e tutti quei contenuti che possono essere associati alla nostra identità digitale.

Gestire la propria reputazione online è una skill che tutti devono padroneggiare, non soltanto per migliorare il modo con cui gli altri ci vedono ma anche per non doverci mai in seguito pentire di cosa decidiamo o permettiamo di pubblicare online.

reputazione-digitale

Cos’è la reputazione digitale

La reputazione digitale è data dall’insieme di conversazioni ed elementi che interessano un dato soggetto e che influenzano il modo con il quale questi viene giudicato dalle altre persone. Motori di ricerca e social network memorizzano i contenuti che vengono pubblicati e che restano a disposizione di tutti coloro che se ne servono.

Da tali elementi si forma quindi un giudizio (sentiment) attorno alle persone e ai brand di questione che può influenzare la loro possibilità di operare online e può avere ripercussioni anche nel mondo fisico. Pensiamo ad esempio alle crisi di reputazione che nascono sul web da scandali o da dichiarazioni inappropriate dai rappresentanti di certe aziende, e che portano a movimenti di massa dei consumatori per boicottare le attività commerciali di queste ultime.

Quali elementi incidono sulla reputazione digitale?

L’identità digitale è una componente della nostra reputazione complessiva, e viene influenzata sia dalle attività che noi stessi svolgiamo in rete che da quelle che vengono compiute da altri soggetti.

In rete si possono pubblicare molti tipi di contenuti, che - a meno che non vengano rimossi - rimangono potenzialmente per sempre a disposizione di chi voglia cercarli. 

Può trattarsi ad esempio di:

  • foto caricate da noi o scattate da altre persone (anche a nostra insaputa)
  • post pubblicate sui social network
  • discussioni online
  • pagine di altri siti web
  • recensioni su pagine MyBusiness, pagine social, Tripadvisor o piattaforme simili

Come monitorare la reputazione

Difendere la nostra reputazione online presuppone un monitoraggio periodico delle conversazioni che interessano il nostro brand per intercettare rapidamente gli elementi che rischiano di incrinarla. Ecco alcuni strumenti dei quali possiamo servirci per verificare il tenore delle conversioni online che ci riguardano e per scoprire quali contenuti riscuotono il maggiore successo.

Google Alert

Google Alert è una piattaforma che permette di controllare periodicamente cosa viene prodotto in rete attorno a un determinato argomento. Possiamo impostare un alert che spedisce una mail al nostro indirizzo a intervalli regolari non appena vengono pubblicati contenuti online relativi a determinate parole chiave. Costituisce uno strumento utile per scoprire ad esempio nuove pagine web nelle quali si parla di noi.

Ricerca manuale

Google e Youtube sono dei motori di ricerca che costituiscono enormi database di contenuti. Possiamo controllare quali informazioni sono presenti sul nostro brand cercando manualmente il nostro nome e valutando il tenore dei contenuti presenti.

Talkwalker

Talkwalker è un tool che permette di monitorare il comportamento degli utenti online. Permette di scoprire in pochi secondi quale è il sentiment delle conversazioni online attorno al brand e di rintracciare i post che menzionano il brand di interesse. Permette di impostare un alert che informa tempestivamente quando vengono pubblicati dei contenuti che contengono le keyword impostate. Talkwalker è un tool a pagamento che permette di estrapolare tutte le conversioni attorno a un brand per valutarne il sentiment.

Brand Mention

Brand Mention è un tool di social monitoring che permette di monitorare il successo delle strategie di social media marketing. Permette di individuare e misurare cosa dicono le persone riguardo a un dato brand, in real time. Permette di prevenire crisi di reputazione grazie a un monitoraggio 24H/24 delle conversazioni in rete.

Come difendere la nostra reputazione online?

La reputazione online di un soggetto è così importante che essa può subire veri e propri furti: soggetti malintenzionati possono perpetrare truffe o altri inganni avvalendosi della reputazione rubata ad altri e delle qualità che essa incarna. I contenuti originali e di valore permettono di stimolare il passaparola degli utenti, ottenere link da siti a tema e creare segnali in grado di migliorare la reputazione agli occhi dei motori di ricerca.

Creare contenuti di qualità

Se sono presenti in rete dei contenuti che ci mettono in cattiva luce, possiamo ad esempio impegnarci nel realizzare a nostra volta degli elementi che, in quanto più autorevoli e aggiornati, mettono in ombra quelli preesistenti.

Il content marketing è una disciplina che consiste nella creazione di contenuti per diverse piattaforme allo scopo di aumentare il valore percepito del brand e ottenere contatti commerciali grazie all’utilità delle risorse.

Possiamo realizzare contenuti per il nostro sito web, video su Youtube, post per i nostri account social, rilasciare interviste, allo scopo di fare scendere nelle serp i contenuti altrui non lusinghieri. Google tende a considerare anche la recentezza dei contenuti ai fini del posizionamento, e perciò sono destinati a diventare meno visibili mano a mano che vengono sostituiti.

reputazione-online

Promuovere le pubbliche relazioni

Le public relation comprendono una serie di attività rivolte a stringere dei legami con il proprio target e con persone in vista del proprio settore, per aumentare la visibilità del proprio brand e migliorare l’opinione che il proprio pubblico nutre per esso.

Possono comprendere ad esempio:

  • sponsorizzazioni
  • partecipazione ad eventi del settore
  • interviste
  • collaborazioni con colleghi
  • pubblicità tramite influencer del settore
  • curare la presenza sui social media

e tutte quelle attività che aumentano i segnali esterni positivi.

Favorire le recensioni online

Le recensioni presenti in rete sono elementi cruciali per migliorare la propria visibilità e aumentare le possibilità di fare affari. I potenziali clienti valutano l’affidabilità del brand tramite le opinioni fornite da altri soggetti, perciò è importante rimuovere le recensioni negative false e incentivare quelle positive.

Non si tratta di cancellare le recensioni negative giustificate da una reale esperienza, siccome ciò porterebbe implicitamente ad ammettere le proprie mancanze e a danneggiare il rapporto con il proprio pubblico. Bisogna invece fare sparire le recensioni fake che danneggiano la propria reputazione in maniera immotivata, al limite procedendo anche per vie legali.

Attraverso le attività di public relation possiamo invogliare i nostri clienti a lasciare delle recensioni in grado di aumentare il valore percepito della nostra attività online.

Ricorso al diritto all’oblio

Purtroppo le notizie negative tendono a permanere a lungo, anche se hanno perso di significato per il pubblico odierno. I cittadini dell’Unione Europea hanno il diritto di appellarsi al diritto all’oblio per fare rimuovere le notizie che non sono più giustificate dal diritto di cronaca (come processi penali ormai conclusi o fatti di cronaca riferiti a molti anni prima).

Il Modulo di richiesta per la rimozione delle informazioni personali di Google permette di richiedere l’eliminazione dei contenuti che violano l’ordinamento vigente.

Ricorso alle vie legali

Purtroppo non sempre Google prende in considerazione le richieste di deindicizzazione oppure, se lo fa, i contenuti possono essere caricati in altri portali e finire nuovamente indicizzati.

Il modo migliore per assicurarsi di eliminare le notizie lesive della reputazione - come suggerisce Google stessa - consiste nel richiedere ai siti web in questione di rimuovere le notizie diffamatorie.  Possiamo quindi contattare i webmaster del sito in questione chiedendo di eliminare i contenuti incriminati. Se non riceviamo risposta possiamo essere costretti a rivolgerci a studi legali o esperti della reputazione online per ottenere un modo attraverso la Legge di difendere la nostra reputazione.

Contattaci per un preventivo o una consulenza
immagine autore - Federico Giannicchi
Federico Giannicchi
Federico Giannicchi è il cofondatore di Webhero, web agency specializzata in SEO e advertising. Aiuta da anni le aziende ad aumentare il fatturato online attraverso il posizionamento sui motori di ricerca e campagne pubblicitarie online. Sul blog di webhero pubblica articoli molto esaustivi in fatto di SEO e web marketing, utili per un pubblico di imprenditori interessati ad aumentare la loro presenza online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come creare e ottimizzare un podcast
Scopri come creare un podcast di successo in grado di catturare l'attenzione del tuo pubblico!...
Leggi tutto
Seo Tiktok: le strategie per posizionarsi sul social
Ti sei mai chiesto cosa determina quali video vengono posizionati nella parte superiore delle pagine dei risultati di ricerca di TikTok? Ora che sempre più utenti utilizzano TikTok come motore di ricerca, ottimizzare i tuoi video per i risultati di ricerca è più importante che mai. Come funziona ...
Leggi tutto
Netflix Ads: cosa sono e come utilizzarle
Netflix apre agli advertiser e crea Netflix ADS. Da ora infatti Netflix inizierà a offrire un livello di abbonamento supportato dalla pubblicità per 6,99 euro al mese a partire dal 4 novembre nel tentativo di aumentare il numero di abbonati. Fino a qualche mese fa, con crisi e recessione alle spal...
Leggi tutto
Cos'è Criteo e i vantaggi della piattaforma di retargeting
Scopriamo in che cosa consiste Criteo e i vantaggi che mette a disposizione questa piattaforma di retargeting....
Leggi tutto
chevron-down