API indexing Google con WordPress: come collegare il tutto in 2 minuti

immagine dell'autore - Federico Giannicchi
Federico Giannicchi
Questa foto descrive: API indexing Google con WordPress: come collegare il tutto in 2 minuti

In questo articolo, ti insegnerò esattamente come indicizzare i tuoi contenuti su Google più velocemente utilizzando le API di Google. Lo faremo tramite un plug-in Instant Indexing e altre cose che vi elencherò fra pochissimo. Questa guida è costruita per WordPress ma potrai utilizzarla anche su altri CMS, cambierà solo l'ultima parte del tutorial.

Questo processo di inserimento delle API è un po' complesso, ma quando si tratta del ranking dei contenuti e della SEO del tuo sito web è bene dedicarci un po' di tempo perchè non potrà che aiutarti in futuro.

Hai due opzioni o vederti questo video qui sotto fatto da me dove ti faccio vedere l'intero processo, o leggerti i prossimi paragrafi.

Cosa è l'instant Indexing

L'instant indexing è appunto l'indicizzazione istantanea dei contenuti che avviene facendo comunicare il sito web direttamente con le API che lo passeranno immediatamente alla search console (qui trovi una guida sulla search console se ti occorre capire meglio come funziona).

In sostanza tra la search console e il sito ci sarà un terzo soggetto (le Api) a comunicare gli aggiornamenti avvenuti su wordpress direttamente a Google.

Perché cosa e in che modo l'indicizzazione istantanea sarà di aiuto?

Cosa più importante, l'instant indexing indicizza e classifica i contenuti più velocemente.
Poiché utilizza l'API di indicizzazione della ricerca di Google per inviare contenuti direttamente al motore di ricerca, ciò rende i tuoi contenuti visibili sulla SERP più velocemente rispetto all'invio tradizionale della Sitemap. Particolarmente importante soprattutto per i contenuti dove il fattore tempo conta moltissimo, come ad esempio aggiornamenti di notizie o blog di attualità

Cosa ci occorrerà per fare il collegamento?

Ci occorreranno quattro cose:

  1. Google Cloud Platform
  2. La search Console
  3. Rank Math SEO
  4. Instant Indexing (un plugin che vedremo fra poco)

Come collegare le Api Google per l'Instant indexing a WordPress

Bene iniziamo a vedere come fare.

Per prima cosa recati sulla Google Cloud Platform a questo link https://console.cloud.google.com/

Google-cloud-platform-api-indexing
Schermata di apertura di Google Cloud Console
  1. Ora clicca su My First project in alto
  2. Poi clicca su nuovo progetto ed inserisci il nome del tuo sito o del tuo progetto. La località potresti anche lasciarla vuota.
  3. Ora lo selezioniamo da in alto ed entriamo nel progetto.
  4. Andiamo nel menù a sinistra e poi su "API e Servizi" dopo di che "Libreria" e nel campo ricerca scrivete "Indexing Api", selezionatelo e cliccate su Abilita, vi si aprirà la schermata relativa.
  5. Clicca su "Credenziali" e poi "Crea Credenziali" account di Servizio
  6. Dategli un nome a vostro piacimento e anche una descrizione per farvela ricordare "Esempio Instant Index Service"
  7. Assegnategli il ruolo da proprietario
  8. Il sistema vi riconoscerà una mail, copiatela
  9. Andate in Search Console e in basso a sinistra andate su Impostazioni
  10. Ora andate su Utenti e Autorizzazione e cliccate "Aggiungi Utente".
  11. Incollate la mail precedentemente copiata e dategli autorizzazione "Proprietario", date aggiungi
  12. Ritorniamo su Google Cloud Platform e clicchiamo sui 3 puntini della mail e poi su "Gestisci Chiavi" (Vedi foto sotto)
Google-cloud-platform-api-indexing-gestisci-chiavi
13. Aggiungi chiave
14. Crea nuova Chiave e selezionate Json e cliccate su crea. Vi scaricherà un file json

Bene ora passiamo dentro wordpress, abbiamo quasi terminato

15. Installate Rank Math SEO se ancora non lo avete installato e fate tutta la procedura di installazione per configurarlo

Rankmathseo-instant-indexing

16. Installate Instant indexing, il plugin (vedi immagine sopra) o scaricatelo da qui

Instant Indexing for Google

Attivatelo

17. Aprite il plugin sarà nel menù di rank math nella sezione "Instant Indexing"

18. Andate nella sezione "Google Api Setting" e caricate il Json dentro facendo sfoglia. In alternativa per rendere il tutto più pulito potete aprire con il blocco note o notepad il file e copiare il contenuto del json per incollarlo li nel campo di testo specifico.

19. Ora nella sezione Submit decidete cosa portare con le API (esempio Articoli, pagine etc etc), poi fate salva le modifiche.

20. Avete terminato ora tutto funzionerà, ma se volete fare una prova, prendete un articolo non ancora indicizzato e mettetelo nel campo nella tab console e date Send to Api, se uscirà fuori la scritta "Success" tutto sarà andato per il meglio.

Se la guida ti è piaciuta, iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere sempre queste pillole bomba nella tua casella email e prima di tutti.

Se invece ti serve supporto o consulenza scrivici direttamente qui.

Contattaci per un preventivo o una consulenza
immagine autore - Federico Giannicchi
Federico Giannicchi
Federico Giannicchi è il cofondatore di Webhero, web agency specializzata in SEO e advertising. Aiuta da anni le aziende ad aumentare il fatturato online attraverso il posizionamento sui motori di ricerca e campagne pubblicitarie online. Sul blog di webhero pubblica articoli molto esaustivi in fatto di SEO e web marketing, utili per un pubblico di imprenditori interessati ad aumentare la loro presenza online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEO e ChatGPT: la rivoluzione è arrivata
ChatGPT di OpenAI è una piattaforma recentemente salita all’onore della cronaca per la sua versatilità nel fornire risposte alle richieste degli utilizzatori, che consente di ottenere testi ben sviluppati in pochi secondi (e molte altre cose).  Cos’è ChatGPT? ChatGPT è un modello di ela...

Leggi tutto

Webp: perchè attualmente è il formato migliore per le immagini
Le pagine web stanno diventando più grandi, più popolate di media e più pesanti ogni giorno che passa. Il peso medio di una pagina è aumentato da 523 kilobyte nel 2011 a 2196 kilobyte nel 2022, ed il formato Webp può aiutarci. La maggior parte del peso di una pagina lenta è costituita da immag...

Leggi tutto

Come creare e ottimizzare un podcast
Scopri come creare un podcast di successo in grado di catturare l'attenzione del tuo pubblico!...

Leggi tutto

Seo Tiktok: le strategie per posizionarsi sul social
Ti sei mai chiesto cosa determina quali video vengono posizionati nella parte superiore delle pagine dei risultati di ricerca di TikTok? Ora che sempre più utenti utilizzano TikTok come motore di ricerca, ottimizzare i tuoi video per i risultati di ricerca è più importante che mai. Come funziona ...

Leggi tutto

chevron-down