Youtube è il secondo social network al mondo ed il secondo motore di ricerca dopo Google. Ha una grande rilevanza ma è necessario saperlo gestire e capire i modi in cui è possibile crescere a livello organico.
Infatti, avviando un canale Youtube (che può essere privato o aziendale) e mantenendolo con costanza vi accorgerete che avrà un grande impatto a livello comunicativo per la vostra azienda. In che modo, quindi, e con quali modalità è possibile creare un buon canale Youtube?

Come Aprire un canale Youtube

Creare un canale Youtube non è estremamente semplice e lo è ancora di meno crearlo considerando tutti i fattori di ottimizzazione che possono darvi un certo vantaggio competitivo.

Infatti seppur di per se non è una operazione complessa, è più complesso prendere delle decisioni che guideranno l’intero piano editoriale del canale. Fin dalla prima apertura infatti Youtube ci chiederà di settare Tag e Keyword che potrebbero non esserci chiare fin dall’inizio. Non è infatti raro vedere canali che cambiano totalmente direzione in corsa. Ma tranquilli ci sarà la nostra guida ed il nostro video qui sotto a schiarirvi tutte le idee e a rispondere le vostre domande.

Ma partiamo dalla prima domanda quindi che vi starete facendo: come aprire un canale Youtube?

Punto cardine iniziale per la creazione di un canale Youtube è la necessità di avere un account Google. Quindi se non si ha un account Google è necessario farlo. Potrete registrarvi a google creando una email gmail, oppure registrando la vostra email personale.

Quindi, per non è necessario creare una nuova email per creare un canale Youtube. In che modo si può creare un account Google? Dopo aver cliccato in alto a destra sulla schermata del motore di ricerca sul tasto blu “Accedi” , potrete inserire l’indirizzo e-mail scelto oppure creare un nuovo account gmail. Nel video seguente Vi spiegheremo come fare tutto passo passo.

Fulcro di questo step è la specificazione dell’account Google che si vuole scegliere. Le opzioni sono 2

  1. Uso privato
  2. Uso professionale, per aziende.

Differenza tra account privato o aziendale di Youtube

La differenza fra queste due opzioni è che nel primo caso l’iscritto sarà l’unica persona che potrà gestire l’account, ciò vi obbligherà a dover condividere le vostre credenziali dell’account Google se vorrete farvi supportare da una terza persona nella gestione del vostro canale con tutti i rischi del caso.

Scegliendo la seconda opzione (Uso Professionale, che vi consigliamo vivamente) si potranno, anche in futuro, coinvolgere altre persone, ad esempio dei collaboratori o qualche amico, condividendo e facendoci supportare nella gestione del canale assegnando a ciascun utente un ruolo ben preciso nella gestione. Infine, fatto il passaggio che identifica la tipologia del canale si dovrà inserire il nome, cognome e l’indirizzo e-mail di riferimento.

Arrivati sull’interfaccia Youtube è sufficiente cliccare, sempre sul lato alto destro, sull’icona (che identifica il profilo utente) e all’apertura della tendina selezionare “Crea canale“.

Ora si è in modalità “Creator” e il primo passo è quello di scegliere un nome personalizzato per il proprio canale. Di base Youtube vi suggerirà il vostro nome ed il vostro cognome come nome del canale, ma il nostro consiglio è pensare all’obiettivo ed all’argomentazione del canale e trovare un nome che ne consideri anche il macro-argomento principe all’interno. In realtà sarà sufficiente dare un nome al canale per attivarlo ma il fattore personalizzazione e, quindi, centrare a pieno il tema focus dell’argomento trattato è fondamentale.

come-creare-canale-youtube

Come personalizzare il canale Youtube

Ora siamo all’interno del canale e possiamo cominciare a personalizzarlo.

Dopo averlo creato, come anticipato precedentemente, sarà fondamentale personalizzare il vostro canale in quanto sarà il vero tratto distintivo rispetto agli altri Youtuber.

Il canale Youtube appena creato rappresenta la casa in cui accoglierete la vostra community, quindi dategli le giuste attenzioni, curatelo e tenetelo ordinato. Sarà solo così che la vostra community avrà ben chiaro il vostro messaggio e vi seguirà con molta più facilità scegliendo i contenuti per loro più interessanti.

Una volta scelto il nome potrete procedere a selezionare le immagini che vi rappresenteranno. l’immagine del canale e l’immagine di copertina del canale. La prima sarà l’immagine che lo rappresenta (una sorta di immagine del profilo): la potrete caricare cercando in basso l’icona per il caricamento dell’immagine (createla quadrata) e sarà sufficiente caricarla. Youtube si occuperà di adattarla ad ogni dispositivo e di ritagliarla per darle la classica forma circolare. Potrete caricare la foto direttamente da PC o da smartphone; infatti, Youtube permette la creazione del canale anche dal dispositivo mobile ma, in termini di comodità, vi consigliamo di procedere via pc.

L’immagine di copertina invece potrà essere cambiata in seguito. Qui sotto un esempio per copertina e immagine.

Dimensioni copertina Youtube

Il formato della copertina di Youtube è di 2048×1152 px.

All’interno di questo formato, in realtà sono presenti tre aree che partono dal centro di esso e che vanno in base al dispositivo che utilizzerà l’utente (e.monitor, smartphone,tablet)

Area consigliata della copertina: dimensioni di 1235×338 px in questo modo andrà bene su tutti i dispositivi.

Una volta creato il canale Youtube, non dimenticate di scaricare l’apposita app Youtube Studio, disponibile per Android e iOS con cui poter gestire il vostro canale da smartphone in maniera più rapida

Descrizione canale Youtube

Scelte le immagini sarà necessario aggiungere una breve descrizione che presenta in anteprima l’argomento trattato e che anticiperà agli utenti quello che troveranno nel canale. Perdete tempo a fare una descrizione ben precisa accattivante è aggiungeteci una call to action per invitare gli utenti ad iscriversi. Non dimenticatevi che spesso è la descrizione del canale che permette agli utenti di decidere se siete il luogo giusto su cui passare del tempo.

Nella descrizione è inoltre utile inserire le parole chiave (keyword) che identificano l’argomento o gli argomenti del canale; infatti, sono questi primi accorgimenti che aiutano la piattaforma ad inquadrare il canale ed a posizionarlo nella categoria di appartenenza ed a distinguerlo dalla massa. Non dimenticate che Youtube, come Google, si nutre di testo, e quindi più siete chiari e precisi, e più sarà per lui facile capirvi e quindi vi premierà.

descrizione-canale-youtube

Una volta creata una descrizione ben fatta, sarà anche possibile inserire i link di pagine social.

Questi sono i primi passi base per la creazione del vostro primo canale Youtube. Una volta completati basta salvare e continuare.

I primi passi sul canale Youtube

Ora, come iniziare su Youtube?

Nella sezione “personalizzazione” di Youtube studio, che è il pannello di controllo del vostro canale, attraverso il pulsante a destra presente sulla home principale del proprio canale si passa alla personalizzazione: andando su esso si apre la pagina dove, immediatamente, sul layout è possibile inserire un video trailer, che presenta in anteprima il canale per gli utenti che ancora non sono iscritti nonché un video successivo, sempre in primo piano, per chi già è iscritto. La pagina layout è dedicata, inoltre, per l’organizzazione delle diverse sezioni video che compongono il canale: per esempio, play list con video dove si racconta l’azienda, una successiva che presenta i prodotti di punta del brand, ecc…

Fatto questo passo, affianco si trova la sezione “Branding” dove è possibile andare ora ad aggiornare anche la vostra immagine di copertina. Li sarà sufficiente caricare una immagine di almeno 2048 x 1152 pixel e di un massimo di 6 MB nella sezione “branding”.

Interessante è l’opzione inserimento di un watermark e, cioè, il bollino che compare all’interno di ogni video che può essere utilizzato, o per brandizzare i video, oppure, come spesso accade, per invogliare gli utenti a iscriversi al canale inserendo una immagine con l’apposita dicitura “iscriviti al canale”.

Quale altre impostazioni sono importanti per il canale Youtube?

A questo punto, sulla colonna a sinistra del canale è necessario cliccare sulla rotellina “impostazioni“, suddivisa nelle seguenti sezioni:

  • Generali
  • Canale
  • Impostazioni video caricati
  • Autorizzazioni
  • Community
  • Contratti

All’interno della voce “Generali” è necessario settare la valuta del paese di residenza del canale. Questo servirà poiché, al raggiungimento della soglia dei 1000 iscritti e 4000 ore di visualizzazione video, si potrà monetizzare attraverso l’inserimento di spot e banner pubblicitari durante la visualizzazione del video.

All’interno della sezione “Canale“, troveremo tre sottocategorie, ovvero: “Informazioni di base” (con nome canale, paese di residenza e parole chiave che indicano i contenuti video); “Impostazioni avanzate” (si indica a youtube se il canale presenta contenuti adatti ad un pubblico minore oppure no); “Idoneità alle funzionalità” (questa sezione avvisa se ci sono violazioni alle norme standard della community ed è in questa sezione che, attraverso la verifica tramite numero telefonico, inserendo il codice che si riceverà via sms, si potrà sbloccare il caricamento di video maggiori di 15 minuti, streaming ed altre funzionalità. Inoltre sarà la sezione in cui verranno segnalate eventuali violazioni del copyright e dove verranno visualizzati i risultati di eventuali appelli)

Schermata informazioni canale

Nella sezione “Impostazioni predefinite video caricati” sarà invece possibile gestire tutte le diciture che si vuole siano sempre presenti all’interno dei video Youtube, indistintamente se andrete ad inserire una descrizione oppure no.

La sezione “Autorizzazioni” è dedicata alla modifica dei collaboratori e, cioè, se si desidera aggiungere utenti oppure rimuovere. Sempre da qui è possibile cancellare il canale. In questa sezione si potrà agire solo essendo all’interno dell’account “master”.

La sezione “Community” è riservata invece all’interazione degli utenti esterni al canale, quindi al controllo del loro comportamento all’interno del canale. In questa sezione infatti, è possibile bloccare alcuni utenti come anche impostare dei filtri per i commenti che contengono link. Si potranno inoltre filtrare precise parole affinché non compaiono sotto nei commenti nonché vietarli dal principio, nominare dei moderatori, pre-approvare degli utenti che non saranno mai moderati e bloccare utenti che non vogliamo che commentino.

Il canale Youtube come fulcro della comunicazione aziendale

Youtube è un ottimo strumento di comunicazione. Seppur molto potente, richiede molto sforzo e molte capacità, che di solito implicano la collaborazione di più professionisti.

Infatti tenere un canale Youtube a livello aziendale o professionale presuppone aver delle capacità di videomaking abbastanza importanti (se si vuole creare un piano editoriale di qualità sia video che di contenuto). Aprire un canale Youtube aziendale però è un ottimo sistema per arrivare efficacemente alla propria clientela e comunicare in maniera più diretta con essa.

Usare Youtube professionalmente è un passo che numerosissime aziende compiono, ma la maggior parte delle volte, senza alcuni accorgimenti c’è il rischio che rimanga un canale passivo e si trasformi in un boomerang comunicativo.

Dettaglio infatti da non trascurare è la realizzazione professionale dei video curandoli nei contenuti e nella qualità. Vi consigliamo di rivolgervi a dei professionisti magari studiando un piano editoriale da registrare in una singola giornata per avere poi una serie di contenuti da poter pubblicare scadenzate ed avere quindi un canale attivo che sia in grado di coinvolgere, intrattenere e formare la community di riferimento.

In youtube rispetto altri social la qualità conta e anche i contenuti, ormai è davvero la tv del mondo e la gente vi seguirà per contenuti informativi o di intrattenimento.

Inoltre vi consigliamo di prestare molto attenzione ai dati. Cliccando su “Analytics” avrete a disposizione dei dati riguardo la panoramica, la copertura, il coinvolgimento e pubblico. Una chiave di lettura fondamentale che chiarifica l’attività effettiva del canale Youtube.

Ci definiamo un’agenzia data driven proprio perchè ogni nostra decisione passa attraverso un’attento studio dei dati. Youtube ha una propria dashboard di Analytics in continua evoluzione che ci da ottimi spunti di analisi per capire quali sono i contenuti che ingaggiano maggiormente la nostra utenza. Ciò deve essere la linea guida per i nostri contenuti futuri.

Se avete domande fatele nei commenti del nostro video Youtube dedicato a come creare un canale Youtube e non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube Webhero