Google Hotel Ads è un servizio pubblicitario a pagamento figlio di Google ADS. Nonostante la sua nascita risalga a quasi 10 anni fa, Google Hotel Ads prima di quest’anno era sempre stato confinato a Google Maps. La semplice presenza in una mappa da un lato caratterizzava maggiormente il servizio offerto ai proprietari di un hotel, dall’altra parte però risultava anno dopo anno riduttivo. Da qualche mese a questa parte la rivoluzione di Google Hotel Ads è visibile nella prima pagina della SERP, la pagina dei risultati del motore di ricerca. Il servizio del colosso di Mountain View riveste un’importanza fondamentale per il turismo, sia per i singoli viaggiatori sia per le strutture ricettive che negli ultimi anni hanno dovuto fare i conti con le politiche aggressive delle OTA (le agenzie di viaggio online).

Google si è resa conto che l’egemonia di Booking, Expedia, Hotels.com e Trivago inizia a farsi sentire ed ha deciso di iniziare a contrastarla pesantemente. Come? Utilizzando le mappe e il Mybusiness associato a Google Hotel ADS. In pochi anni è riuscito a riprendersi una buona fetta di mercato. Allora vediamo nello specifico cosa è e come funziona Google Hotel ADS.

google-hotel-ads

Come funziona Google Hotel Ads

Google Hotel Ads è parte integrante di Google Ads, il servizio pubblicitario della società statunitense con base a Mountain View che ha sostituito solo a livello di nome e brand Google Adwords. I proprietari di una struttura ricettiva che desiderano entrare nel circuito di Google Hotel Ads per migliorare la loro visibilità nei motori di ricerca (e di conseguenza generare più guadagni attraverso le prenotazioni online) devono per prima cosa registrare un account sulla piattaforma Google Ads (ex Google AdWords).

La registrazione

Se già si disponeva di un profilo AdWords in precedenza, prima del cambio del nome avvenuto nell’estate 2018, tale passaggio può essere saltato. Il secondo passaggio che si deve compiere obbligatoriamente per avviare la prima campagna pubblicitaria è la creazione di un account Google Hotel Center. Attraverso la registrazione del profilo al secondo servizio offerto da Google, è possibile gestire le tariffe per il soggiorno in una determinata camera della struttura. Se non si vanta un’esperienza elevata, Google permette in questa fase a chi registra un account in Google Hotel Center di entrare in contatto con alcuni importanti partner, il cui aiuto può rivelarsi fondamentale nella scelta del tariffario migliore, avendo così maggiori possibilità nel concorrere con gli altri alberghi che puntano sulla collaborazione con Google Hotel Ads per emergere in uno dei settori dove la concorrenza è tra le più elevate se confrontata a quella presente in altri settori economici.

Iniziare la campagna Google Hotel ADS

Una volta effettuata la registrazione a Google Hotel Center e collegato tale account con il profilo di Google Ads, il proprietario dell’albergo ha modo di visualizzare la campagna Hotel, accanto alle altre tipologie di campagne pubblicitarie offerte da Google Ads (Search, Display, Shopping, Video e Universal App). Sotto la campagna Hotel appare la scritta che sintetizza l’obiettivo principale che si intende raggiungere, vale a dire la promozione della propria struttura ricettiva in Google Search e nell’applicazione Google Maps, entrambe disponibili da computer e da dispositivi mobili quali smartphone e tablet.

A questo punto si deve scegliere il budget da utilizzare per la promozione della campagna pubblicitaria, decidendo quanto si è disposti a pagare per ogni clic o conversione. Anche in questo caso, si può ricevere un’assistenza dettagliata e professionale da società di terze parti il cui compito è quello di fornire ai responsabili degli hotel tutti i suggerimenti utili per definire ogni minimo dettaglio della campagna Hotel disponibile in Google Ads. Un altro aspetto da mettere in conto è il titolo della campagna pubblicitaria e le informazioni che si danno agli utenti/potenziali clienti. Gli esperti consigliano di essere quanto più chiari e completi possibile, in modo da risultare credibili e allo stesso tempo interessanti agli occhi di chi vuole prenotare la stanza di un albergo in quella stessa città.

google-hotelads

Dove appare Google Hotel Ads nella prima pagina del motore di ricerca

La sezione riferita a Google Hotel Ads appare nella parte visibile (posizionata in alto) della prima pagina del motore di ricerca senza bisogno di dover scorrere verso il basso. La scheda informativa del servizio pubblicitario di Google compare soltanto se gli utenti effettuano determinate ricerche. Un esempio classico è la ricerca della combinazione di parole hotel e città della propria destinazione (hotel roma, hotel milano, ecc.), attraverso cui si attiva in automatico la sezione di Google Hotel Ads nella prima pagina dei risultati restituiti dalla ricerca effettuata.

È importante sottolineare come tutte le strutture presenti nella scheda speciale offerta da Big G hanno attivato in precedenza una campagna Hotel, iscrivendosi quindi a Google Ads a cui hanno collegato il profilo Google Hotel Center. Gli stessi alberghi che compaiono in Google Search appaiono anche nella mappa di Google. I due elementi messi in maggiore risalto per ciascun hotel sono il prezzo e il giudizio medio delle recensioni. Ciò non è casuale, dal momento che numerose ricerche hanno evidenziato come i viaggiatori nella scelta di un albergo rispetto a un altro verificano per prima cosa il prezzo e le opionini positive/negative scritte dalle persone che hanno soggiornato nell’hotel in questione. Si tratta di un aspetto molto importante, attraverso il quale i proprietari di un hotel possono avvantaggiarsi rispetto a una struttura ricettiva concorrente presente nella stessa città. Una delle novità maggiori apportate dalla sezione Google Hotel Ads è la presenza dei filtri Migliori Scelte, Preferiti dagli Ospiti, Hotel Economici e Hotel di Lusso, in base ai quali Google rende la scelta ancora più semplificata per gli utenti. Più in basso, ciascun albergo dispone di una gallery fotografica, attraverso la quale i potenziali clienti possono fare un tour virtuale all’interno della struttura e delle sue camere. Infine, è presente una breve descrizione dell’hotel oltre alle recensioni degli utenti estrapolate dalle principali piattaforme coinvolte nel settore turistico.

Perché è importante Google Hotel Ads per una struttura ricettiva?

Da quando Google Hotel Ads è parte integrante della SERP, le prenotazioni effettuate tramite la campagna pubblicitaria Hotel di Google Ads sono aumentate del 65 per cento rispetto a quando la presenza del servizio pubblicitario era limitato all’interno di Google Maps (da computer e dispositivi mobili). La maggiore visibilità garantita da Google Hotel Ads porta dunque un beneficio considerevole nel numero di prenotazioni provenienti dalla campagna definita all’interno del proprio Ads del colosso di Mountain View. Il merito è da attribuire non soltanto alla visibilità in prima pagina tramite la ricerca costituita dalla parola chiave hotel seguita dal nome della città, ma anche alla presenza del pulsante Prenota una camera all’interno della scheda di ciascun hotel in Google Hotel Ads. Gli utenti che cliccano sulla voce Prenota una camera vengono indirizzati a una nuova schermata, dove sono presenti i migliori prezzi per la tipologia di camera selezionata. Se l’hotel ha un proprio sito, Google dà la precedenza al portale web della struttura ricettiva, garantendo così ai proprietari dell’albergo una prenotazione diretta. Per questo motivo il servizio pubblicitario Google Hotel Ads riveste un’importanza cruciale per il futuro del settore turistico in Italia e a livello internazionale. Infatti, attraverso l’iscrizione a Google Hotel Center e la definizione della campagna Hotel in Google Ads, tutte le strutture ricettive che hanno un proprio sito web hanno la possibilità di ottenere un sensibile vantaggio rispetto alle OTA (agenzie online di viaggio). Infatti, non soltanto si può godere adesso di una visibilità organica che prima era riservata alle agenzie di viaggio online, è possibile ottenere anche una prenotazione diretta sul proprio sito web, interrompendo di fatto l’egemonia fino ad oggi incontrastata di piattaforme online come Booking ed Expedia, con quest’ultime che dovranno rivedere da qui in avanti la loro strategia.