In passato l’obiettivo degli utenti è stato sempre quello di snellire la query di ricerca e, dunque, di inserire il minor numero di parole chiave nella barra di Google. Oggi, invece, la ricerca vocale ha cambiato totalmente lo scenario, poichè, dettando direttamente al telefonino o pc le parole da cercare, l’utente può utilizzare un linguaggio più diretto e naturale. Ciò comporta l’uso di un maggior numero di parole chiave. È questo il punto che riassume la differenza sostanziale tra la ricerca vocale e quella classica. Quindi andiamo a vedere come fare una buona ottimizzazione per la ricerca vocale.

immagine che descrive ottimizzazione per la ricerca vocale facendo vedere google assistant
I vantaggi della ricerca vocale

L’utilizzo della ricerca su smartphone è in costante crescita. D’altronde chi l’avrebbe detto qualche anno fa che google sarebbe arrivata all’indicizzazione dei siti web Mobile first? Eppure oggi è la realtà. Motore di questa ricerca è anche l’utilizzo della ricerca vocale attraverso smartphone che sta aumentando sempre di più. Se all’inizio gli utenti sembravano scettici, già nel 2015, secondo alcuni sondaggi, uno su due faceva uso quotidianamente della funzione di comando vocale. I sondaggi attuali confermano che il trend è in crescita e che l’87% degli utenti vede nella ricerca vocale il futuro. Lo dimostra il fatto che i comandi “ok Google” o “hey Siri” non è più necessario spiegare a cosa servano neanche agli over. Le auto, i computer, e addirittura gli elettrodomestici sono oramai dotati di tale tecnologia ed in un futuro non molto remoto potremo accendere le luci di casa o la tv o il forno, semplicemente pronunciando un comando.

Ecco spiegati i motivi per cui i gestori dei siti web stanno puntando maggiormente all’ottimizzazione della Voice Search o ottimizzazione per la ricerca vocale. Semplicemente perchè la ricerca vocale è il futuro.
In effetti, i vantaggi della funzione vocale sono evidenti: è comoda, diretta e immediata. Ormai viene utilizzata anche per le funzioni generali dei dispositivi (telefonate messaggi whatsapp), oltre che per le richieste di ricerca sulla rete.

immagine che descrive ottimizzazione per la ricerca vocale facendo vedere google home

Ma ciò che rende la Voice Search rilevante, in maniera particolare per i siti con elevato traffico mobile, è il crescente uso della ricerca vocale per ottenere indicazioni stradali o per trovare categorie di esercizi commerciali in una determinata zona.
Questo mette in risalto un altro aspetto importante della Voice Search, ovvero quello del comfort. Non necessitando dell’inserimento manuale, essa viene usata dall’utente anche quando questi è impegnato in altre faccende, come, ad esempio, guidare, cucinare o più semplicemente guardare la tv.

Chi fa più uso della Voice Search?

Per quel che concerne l’utilizzo della Voice Search su Mobile di Google, se si fa un confronto tra le diverse generazioni, il panorama sembra piuttosto disomogeneo.
Sono gli adolescenti a fare un uso della funzione con una frequenza costante. La usano per impartire comandi a smartphone o agli infotainement delle auto. L’aumento delle AI sta inoltre rendendo questa funzione sempre più intelligente permettendo una contestualizzazione del comando impartito sempre più precisa. Gli adulti la usano perlopiù per inviare messaggi quando sono alla guida. Il comune denominatore è l’utilizzo della ricerca vocale durante la visione della tv, a cui ricorrono sia ragazzi che adulti. Nel complesso, com’era lecito aspettarsi, i nativi digitali si servono della Voice Search decisamente più spesso rispetto ai più anziani, avendo una maggiore dimestichezza con le nuove tecnologie, ma comunque questa tecnologia si sta facendo strada anche fra gli adulti che spesso trovano in essa un’ancora di salvataggio, quando non sono in grado di trovare determinati tipi di comandi.

Da qualche anno le strategie SEO comprendono anche le long tail. Molti utenti, infatti, hanno capito l’importanza di posizionarsi bene anche su SERP riguardanti le ricerche composte da più parole chiave.
Può difatti essere molto più facile posizionare una pagina alla voce “scarpe da ginnastica per bodybuilder”, rispetto a “scarpe da ginnastica”. Seppur la maggior parte delle persone cercherà l’espressione con il minor numero di parole chiave, è anche vero che più dettagliata è la ricerca, più aumenteranno le possibilità di avere visitatori sulla propria pagina e più il risultato sarà vicino all’acquisto.

Ottimizzazione per la ricerca vocale: sfruttiamo la Voice Search

L’ottimizzazione dei testi per la ricerca vocale è un passo imprescindibile per chi intende aumentare il ranking del proprio sito web, strizzando l’occhio ai trend di ricerca futuri.
In questo senso, anche se viene spesso sottovalutato, il keyworking può fungere da ausiliare.
Occorre innanzitutto adeguare le parole chiave alla lingua parlata e non a quella scritta, curando in modo particolare le long tail keyword per poter essere il più rintracciabili possibile. un comando in ricerca vocale sarà sempre più diretto rispetto ad uno digitale e soprattutto con un comando vocale spesso si fa una domanda volendo ottenere una risposta. Sono pochi gli utenti che non hanno mai consultato il meteo dicendo “ok google com’è il tempo oggi?”

Immagine che mostra un utente intendo ad effettuare una SEO ricerca vocale

Ecco quindi che un altro passaggio da compiere è quello di integrare all’interno di una pagina o contenuto le risposte alle eventuali domande che potrebbero sorgere in relazione ai prodotti o servizi offerti dal sito. Tale compito è reso più facile e immediato anche adottando la classica struttura delle FAQ, includendo anche le tecnologie di ricerca più rilevanti.
Come già anticipato, la ricerca vocale viene effettuata mediante dispositivo mobile e gli utenti vi ricorrono per ottenere risultati relativi alla zona in cui si trovano o per ricevere indicazioni stradali.

Ecco come l’ottimizzazione locale diviene un supporto importante per la Voice Search. Per una local SEO di successo integrare voti e recensioni degli utenti è un passaggio ormai obbligato. Ecco perché gli orari di chiusura  apertura e le informazioni di contatto devono essere mantenuti costantemente aggiornati.
Il consiglio migliore, in definitiva, anche se può sembrare banale, è quello di rimanere sempre attenti alle evoluzioni.

La Voice Search è ancora a uno stadio di sviluppo e, col passare del tempo, subirà di sicuro numerose modifiche, in conseguenza sia delle innovazioni tecnologiche, che del comportamento degli utenti.
È necessario dunque tenere sotto controllo periodicamente gli obiettivi di Google, i quali mireranno sempre di più alla comprensione dei contesti semantici.
Ciò che sicuramente si può consigliare è di ragionare sulla domanda che, l’utente soddisfatto delle risposte ottenute dalla nostra pagina ottimizzata, abbia posto a google ed ottimizzare quindi la pagina web in quell’ottica.

Questo è uno dei tanti supporti che potrai avere nella nostra Agenzia Seo in quanto crediamo fortemente che l’utilizzo futuro del web passerà per una buona fetta attraverso la ricerca vocale.

Iscriviti al canale Youtube dove ricevi GRATIS i nostri consigli

 

Grazie per esserti registrato al nostro canale Youtube