L’espressione coda lunga, che ha guadagnato recentemente popolarità nell’ambito web, indicava già una particolare tecnica di business, che ha trovato terreno fertile nel campo dell’ottimizzazione del posizionamento SEO. Quella della “coda lunga” o long tails è dunque una strategia che consiste nel preferire un maggior numero di parole chiave con un basso volume di ricerca, rispetto alla scelta di poche keywords con un volume di ricerca maggiore.

longtail

Come utilizzare le long tail

Preferisco fare un altro esempio pratico. Le keywords “vendita auto” ottengono di sicuro un elevato volume di ricerca su internet. Chi possiede un e-commerce che si occupa di vendere e noleggiare automobili, però, potrebbe preferire di essere posizionato meglio per, ad esempio, “vendita ford focus”, “noleggio fiat punto” e altre parole chiave più specifiche.

Vantaggi

Il vantaggio è costituito principalmente dal fatto che chi digita sul motore di ricerca “vendita auto“, è ancora incerto e magari vuole dare solo un’occhiata, mentre chi scrive “noleggio fiat punto” molto probabilmente è più propenso e pronto all’acquisto.
Dunque, uno dei vantaggi delle long tails è senza dubbio quello di, focalizzandosi su keywords più specifiche, affinare il traffico del sito e, di conseguenza, aumentare la probabilità di acquisire clienti realmente intenzionati ad acquistare.

Ma non è l’unico, poiché la concorrenza per le keywords a coda lunga sarà, infatti, sempre inferiore rispetto a quella per i termini generici.
Chi vende o offre servizi in un’area geografica ben definita, dovrebbe includere la località nelle sue keywords. Ad esempio, chi possiede un’officina a Napoli potrebbe puntare a posizionarsi bene per “cerco meccanico auto a Napoli”, facendo sì che gli sforzi SEO si concentrino sugli utenti che hanno bisogno di quel particolare servizio.

Come scegliere le giuste parole a chiave lunga?

La scelta delle giuste keywords richiede impegno, costanza, ricerca e monitoraggio, ma tutto questo potrebbe non bastare se non si offrono contenuti di qualità e informazioni utili. Noi nella nostra Agenzia SEO Webhero prestiamo davvero molto tempo a questa attività, perchè fondamentale per il business del cliente.
Detto questo, le parole chiave giocano un ruolo determinante per quel che riguarda il posizionamento SEO. Il mio consiglio è quello di non tralasciare nessuno degli aspetti di cui ho parlato nell’articolo e di essere sempre aperti alle novità.

Con le long tails si possono affrontare in piccolo i giganti del web

Spesso mi viene chiesto di questo argomento. Una piccola azienda con un budget limitato può competere su termini di ricerca così popolari come “moda”, “scarpe” e “gioielli”?

In realtà si, se riusciamo a concentrarci su parole chiave transazionali vicine alla vendita possiamo farlo. Sono parole chiave che molto spesso sono abbandonate dai giganti ma che in realtà sono vicinissime alla conversione.

Aiutati moltissimo con strumenti come Search Console, Google Trends, Ubersuggest e Answerthepublic.

Ok ma perchè è così difficile classificare parole chiave altamente competitive?

Immagina che i siti nei risultati di ricerca organici siano negozi fisici. Se questi negozi si trovano in posizioni premium, come via del corso a Roma o piazza San Babila a Milano, il volume e la qualità degli acquirenti sarebbe elevato. Anche le vendite sarebbero alte, presumibilmente. Tuttavia, il prezzo degli immobili su via del Corso o Piazza San Babila è proibitivo per la maggior parte delle piccole imprese.

Allo stesso modo, i risultati di ricerca organica per termini competitivi consistono principalmente in società di grandi dimensioni che possono permettersi il livello di relazioni pubbliche richieste per classificare.

Come posizionarsi su Google per vendere in settori competitivi?

Pertanto, la saggezza convenzionale per i marchi più piccoli dagli ottimizzatori di ricerca professionali è quella di concentrarsi sulla classificazione di parole chiave meno popolari che, in termini aggregati, possono produrre livelli di traffico simili ai termini popolari. È l’equivalente dello spazio di leasing in molti centri commerciali a prezzi accessibili piuttosto che in una singola posizione su Madison Avenue.

A volte, tuttavia, la saggezza convenzionale è sbagliata.

Mercati sottoserviti
Invece di identificare le parole chiave, concentrati sulle persone che stanno cercando: i loro bisogni non soddisfatti e le loro frustrazioni.

In molti settori, ci sono grandi gruppi di consumatori frustrati che vengono ignorati da fornitori affermati.

Fashion Nova è un rivenditore californiano che vende capi di abbigliamento prevalentemente femminili. Ha aperto il suo primo punto vendita nel 2006. Il sito di e-commerce FashionNova.com è stato lanciato nel 2013 e compete con marchi di grandi dimensioni. Ma si colloca molto bene per molti termini competitivi, di una sola parola – come “moda” – spesso davanti alle aziende più grandi.

Per la ricerca dell’autore su “fashion”, Fashion Nova è al primo posto.
Per la ricerca dell’autore di “moda”, Fashion Nova è al primo posto.

Sulla mia ricerca di “jeans”, Fashion Nova si è classificata al terzo posto, davanti a molti grandi marchi, come Nordstrom, Lucky Brand, American Eagle Outfitters e Hollister.

Fashion Nova è la numero 3 per “jeans”, davanti a molti marchi più grandi.

Fashion Nova sta sovraperformando i concorrenti con enormi budget di marketing e profili backlink più forti. I backlink sono spesso considerati il ​​fattore più critico per l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Questo è un buon esempio di link che non sono il principale motore del successo.

Backlink vs. Demand

Il successo della ricerca di Google dipende principalmente dalla soddisfazione dei suoi utenti: i ricercatori. Google non decide unilateralmente quali siti sono i migliori. Si basa sugli umani per valutare l’efficacia degli algoritmi di classificazione. Gli algoritmi di classifica sono un mezzo per un fine. In definitiva, i ricercatori devono essere soddisfatti dei risultati.

Pertanto, i siti Web che collegano tra loro non sono l’unico modo affidabile per valutare la pertinenza. Nella mia osservazione, Google potrebbe anche esaminare la domanda di ricerca per il marchio stesso.

Le ricerche per “Fashion Nova” stanno crescendo rapidamente. Supereranno presto le ricerche per “American Eagle”. Al tasso di crescita attuale, le ricerche per “Fashion Nova” alla fine cattureranno “Nordstrom”.

Dove concentrarsi per ottenere traffico su parole a chiave lunga?

Potresti iniziare a concentrarti sui dati demografici sottorappresentati: minoranze e taglie forti.

Passi per implementare

Restringi la tua offerta per concentrarti su una parte di popolazione dimenticata. Assicurati di comprendere profondamente questo pubblico. Considera un nuovo sito o brand.
Personalizza i tuoi prodotti, i tuoi messaggi e i tuoi prezzi per questo segmento demografico.
Identifica i canali social più rilevanti. Se vendi ad altre aziende, per esempio, LinkedIn potrebbe essere una buona scelta, piuttosto che Instagram.
Identifica gli influencer che il tuo pubblico di destinazione si fida. Collabora con loro su dimostrazioni e usa i tuoi prodotti e pubblica osservazioni ai loro follower.
Questa strategia non sostituisce le tattiche per ottenere più vendite dalle classifiche esistenti . Ma contribuirà a generare una crescita solida.

Iscriviti al canale Youtube dove ricevi GRATIS i nostri consigli

 

Grazie per esserti registrato al nostro canale Youtube