Il Google Marketing Live 2019 è il più importante evento dell’anno dedicato a tecnologia, web e innovazione, e sulle novità per gli inserzionisti online.

Discovery, privacy, intelligenza artificiale e machine learning l’hanno fatta da padrona all’evento del Moscone Center di San Francisco. Raccogliere e sapere elaborare i dati diventerà una abilità sempre più richiesta per districarsi con efficacia nelle sfide che il futuro (ma anche il presente prossimo) ci riservano. La privacy, in ogni caso, è uno dei temi più sensibili ai quali dobbiamo essere attenti per onorare gli obblighi di Legge e le aspettative di Google.

Google infatti pone i propri utenti a conoscenza che dovranno lavorare sempre con meno dati a disposizione, e che il machine learning sopperirà a tali mancanze.

Tutte le novità spiegate sembrano puntare a un’ottica di intercettare gli utenti nel corso delle loro attività, che si sono fatte sempre più discontinue e irregolari.

Le novità del Google Marketing Live 2019

Come sempre, non sono mancati incontri e occasioni di scoprire tante novità relative al mondo del digitale. Ce ne parlerà il nostro amico e uno tra i migliori specialist Google ADS ovvero Valerio Celletti.

Le novità presentate al google Marketing live

  • Grow my store, uno strumento per l’ecommerce in fase di avvio
  • un nuovo design per Google Shopping
  • Il panel Inclusion Works, relativo all’esperienza di alcuni brand del digital che si stanno rivelando molto promettenti
  • le campagne Smart Shopping saranno incluse in Magento e Shopify

Si è parlato ovviamente del formato Discover e del lancio di Discovery Ads, un annuncio pubblicitario con immagine in evidenza, che verrà incluso in tutte le app nelle quali vi è un feed da scorrere. Google Discover è uno strumento concepito per offrire aggiornamenti in tempo reale mirati sulle preferenze degli utenti, pertanto è uno strumento strettamente targetizzato sulle esigenze di ogni persona. Per coloro che si occupano di inserzioni pubblicitarie, si tratta di opportunità tutte da scoprire. Gli annunci Google Discovery sono ricchi di elementi visivi e sono molto adatti anche alla visualizzazione da mobile.

L’app di Google Express diverrà Google Shopping, perciò sarà possibile per gli utenti anche leggere delle recensioni e guardare dei video. Google Shopping verrà ripensata come un carrello unico compreso di Google Search, Images, Youtube.

Evento completo day 1

Google Shopping verrà ripensato per offrire un’esperienza più coinvolgente e accattivante, e le persone potranno sia studiare i prodotti che acquistarli direttamente.

Il machine learning verrà impiegato anche per ottimizzare i risultati a livello di conversione e di adeguamenti stagionali.

Bumper Ads

In fatto di Youtube si è parlato delle Bumper Ads, dei brevi spezzoni pubblicitari programmati per apparire nel corso degli annunci senza che gli utenti possano evitarli. Essi si basano sul machine learning, pertanto non necessitano dell’approvazione di un’inserzionista per partire, con apprezzabile risparmio di tempo.

Anche le immagini danno prova di essere sempre più importanti a fini pubblicitari.

Gallery ADS

Le Gallery Ads sono gallerie di immagini all’interno di un annuncio, dove verranno proposte sulla base dei dati acquisiti sugli utenti. Gli utenti potranno sfogliarle in alto nella pagina dei risultati di ricerca. Queste gallery saranno anche personalizzate sulla base delle preferenze degli utenti. Si tratta di introduzioni molto avvincenti per i brand che puntano molto sulle immagini, come il settore moda e bellezza.

Rinnovamento e nuove integrazioni per tutto il pacchetto

Anche Google Shopping vivrà un nuovo rinnovamento: i potenziali clienti potranno sfogliare le immagini a disposizione per decidere su acquistare online oppure da un negozio.
Le campagne locali verranno espanse in modo che i proprietari dei negozi possano fornire ulteriori informazioni da Google Maps e di fornire indicazioni stradali per rendere più facilmente raggiungibili i locali.

Inoltre, nelle Google Ads sarà a disposizione un link che permetterà di andare direttamente sulla app relativa del marchio, se già presente nel dispositivo, perciò sarà possibile attrarre le persone direttamente sulle applicazioni delle aziende per convertire direttamente.

Il portale di pianificazione Google Travel viene reso attivo anche da desktop, e ciò renderà molto facile alle persone programmare tutti i propri vantaggi.